SHOW

HIDE

La fornace

“Amo la cucina, amo i profumi e i colori che accompagnano la presentazione dei piatti, amo la fragranza e l’eleganza che trasmettono, amo sorprendere e far divertire…” (V.Marconi)

Rilevato nel 1990 dalla Famiglia Poli, il Ristorante La Fornace è diventato negli anni un punto di riferimento culinario nella proposta regionale e non solo, guadagnandosi notevoli consensi e ottimi giudizi. 
Nel 2005, con la nascita del Poli Hotel, il Ristorante La Fornace si sposta nella struttura 4 stelle di famiglia sull'asse del Sempione. 


La nostra filosofia:
“Non serviamo un piatto… ma un’esperienza e un’emozione” (S.Cerri)

L'atmosfera elegante e un servizio curato ma non invadente s’incontrano per rendere perfette le più diverse occasioni in una continuità di tradizione. La Fornace fa parte dell’Associazione del Piatto del Buon Ricordo e dispone di una Smoking Room dedicata.

LO CHEF VINCENZO MARCONI
Lo stile e i sensi

Inizia la sua formazione con la scuola di cucina al C.A.P.AC. di Milano con gli chef Magnani e Bugna, frequenta la scuola di gastronomía con i fratelli Lino e Annibale Bonardi chef gastronomi dell’allora famoso Salumaio di Montenapolene Le prime stagioni: dalla Riviera romagnola alle spiagge di Isola di Capo Rizzuto, fino a stage didattici nelle cucine degli chef Marchesi e Paracucchi, nonché corso di macelleria presso la sede della Prima a Milano.

Pronto ad entrare nella brigata del ristorante La Fornace, prosegue poi in un lungo percorso di formazione nazionale ed internazionale tra Svizzera, Francia, Spagna:

-Docente corsi di Alta cucina e di cucina Naturale nella scuola QB di Claudio Sadler a Milano
-Collaboratore fisso della rivista Riza Saluta Naturale
-Dimostratore per il gruppo Bialetti in centro America
-Collaboratore del gruppo Selecta come docente corsi professionali per soli chef
-Consulting gruppo cuochi Modena (aggiornamenti didattici alta cucina)
-Carriera decennale come chef televisivo su Canale 5 (A Tu per Tu) e 9 stagioni (500 puntate) su Raiuno alla Prova del Cuoco con Antonella Clerici

Dress code al ristorante: casual elegante, per i Signori non si ha l’obbligo della giacca e della cravatta

****